GeoAdriatico, il simposio internazionale che accende i riflettori sul presente con uno sguardo al futuro del Pianeta

Diplomazia, economia, scienza e religioni sono i temi centrali di GeoAdriatico, il simposio internazionale in programma, dal 10 al 13 giugno 2021, a Trieste, città dalla vocazione mitteleuropea, porta verso l’Oriente nonché ponte che unisce il Mediterraneo al nord Europa. L’identità multietnica e multiconfessionale del capoluogo del Friuli Venezia Giulia, costruito attraverso secoli di pacifica convivenza tra diverse culture e religioni, vuole essere un esempio di integrazione e dialogo internazionale e un laboratorio unico al mondo.

Persone, Pianeta, Prosperità

A GeoAdriatico si discute del ruolo dell’Italia nel nuovo ordine mondiale della geopolitica, dell’Agenda 2030 ONU, del Forum del Mediterraneo occidentale più conosciuto come Dialogo 5+5, e ancora dell’importanza del G20 quale piattaforma per cooperare proficuamente su temi globali.

Agenda 2030 ONU

Persone, Pianeta, Prosperità.
I 17 obiettivi per uno Sviluppo Sostenibile.

Scopri di più

G20 Italia

Lavoro, digitalizzazione, sicurezza alimentare, energie rinnovabili, ma, soprattutto, tutela dell’ambiente.

Scopri di più

Dialogo 5+5

Rivitalizzare le economie per promuovere una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

Scopri di più

Impatti a breve termine del Covid-19 sugli obiettivi di sviluppo sostenibile

leave no one behind
PRESTAZIONI COMPLESSIVE
Performance media per SDG
77.0

Indice punteggio

77.3

Punteggio medio regionale

PERFORMANCE MEDIA PER SDG

Classifica globale SDG 30 (di 166)

VALUTAZIONE ATTUALE – DASHBOARD SDG
SDG
TENDENZA SDG
SDG track

Fonte: Sustainable Development Report 2020 (Country profile, Italy)

Impatto altamente negativo

• Aumento della povertà a causa della perdita di posti di lavoro e del blocco economico
• Impatto sproporzionato sui gruppi vulnerabili (ad esempio, i poveri)

• Insicurezza alimentare dovuta alla riduzione dell’approvvigionamento alimentare globale e del commercio
• Fame dovuta alla diminuzione dei redditi e alla ridotta disponibilità di cibo durante il blocco
• Maggiore perdita e spreco di cibo a causa delle difficoltà di trasporto e della ridotta disponibilità di manodopera
• Cattiva alimentazione a causa dell’interruzione dei pasti scolastici

• Incidenza di malattia e mortalità più elevate da Covid 19
• Maggiore mortalità per altre cause a causa del sovraccarico dei sistemi sanitari
• Leggero calo della mortalità dovuto a ridotte attività economiche e sociali (ad es. incidenti stradali)
• Potenziali guadagni di salute a breve termine grazie al minore inquinamento ambientale
• Impatto negativo della reclusione e del blocco sulla salute mentale (ad es. ansia e depressione)

• Crisi economica praticamente in tutte le parti del mondo
• Interruzione del commercio
• Disoccupazione di massa
• Chiusure aziendali / fallimenti
• Forte calo delle attività turistiche
• Enormi deficit pubblici

• Impatti economici e sanitari negativi sproporzionati sui gruppi vulnerabili (compresi rifugiati e migranti), soprattutto nei paesi con reti di sicurezza basse
• Perdita di posti di lavoro di manodopera meno qualificata e con salari inferiori

Impatto moderatamente negativo

• Chiusure di scuole e asili
• Perdita nello sviluppo del capitale umano
• Cattiva alimentazione a causa dell’interruzione dei pasti scolastici

• Possibili impatti economici sproporzionati sulle donne (ad esempio, perdita di posti di lavoro, povertà)
• Altri impatti sociali sulle donne dal blocco (ad esempio, violenza domestica)
• Tassi di mortalità più elevati per il virus tra gli uomini (perché ne soffrono di più malattie respiratorie croniche dovute a un più alto tasso di fumo)

• L’accesso limitato all’acqua pulita tra i gruppi svantaggiati limita la possibilità di aderendo a rigorose linee guida di igiene

• Rallentamento della crescita economica che contribuisce a una riduzione dei prezzi dell’energia (es. Petrolio), che potrebbe aumentare l’accesso all’energia ma ridurre gli incentivi per le energie rinnovabili

• Diminuzione della produzione industriale
• Possibile nazionalizzazione di alcune industrie e fallimenti e chiusure di altre
• Collaborazione scientifica per trovare cure e vaccini
• Adozione accelerata delle tecnologie digitali, per la sanità elettronica, l’istruzione elettronica, la governance elettronica, e pagamenti elettronici

• Aumento della povertà e della vulnerabilità urbane
• Chiusura dei trasporti pubblici
• Accesso inferiore a spazi pubblici / verdi
• Movimenti della popolazione che variano da paese a paese
• Forte riduzione a breve termine dei livelli di inquinamento

• Maggiore pressione sui governi per mitigare la salute e l’economia conseguenze della pandemia
• Pressione per aumentare l’assistenza sanitaria accessibile nei paesi che non l’hanno ancora raggiunto copertura sanitaria universale
• Aumento dei disavanzi pubblici e del debito
• Interruzione dei processi legislativi e dei dibattiti pubblici
• Sospensione delle leggi sulla libertà di informazione e delle politiche di trasparenza

• Possibile ridotta reattività della comunità umanitaria internazionale ai bisogni di i paesi più poveri
• Possibile riduzione delle rimesse internazionali e dei finanziamenti transfrontalieri
• Chiusura dei confini
• Rallentamento del commercio internazionale
• Crisi del debito

L’impatto è ancora poco chiaro

• Riduzione a breve termine dell’uso delle risorse naturali a causa della ridotta attività economica e il consumo
• Pressioni per allentare le normative sull’economia circolare e posticiparne l’adozione di nuove misure
• Aumento dell’inquinamento da plastica (ad esempio, utilizzato per produrre dispositivi di protezione individuale)

• Riduzione a breve termine delle emissioni globali di GHG
• Pressione per ridurre le tutele ambientali
• Mancanza di chiarezza sugli investimenti ambientali
• Rallentamento della crescita economica che contribuisce alla riduzione dei prezzi dell’energia (ad es. Petrolio), che potrebbe aumentare l’accesso all’energia ma ridurre gli incentivi per le energie rinnovabili

• Riduzione a breve termine delle minacce alla biodiversità marina a causa della riduzione globale attività economica e consumi
• Pressione per ridurre la biodiversità marina e la salvaguardia dell’ecosistema

• Riduzione a breve termine delle minacce alla biodiversità terrestre e d’acqua dolce a causa della riduzione dell’attività economica globale e dei consumi
• Pressione per ridurre la biodiversità e l’ecosistema terrestri e d’acqua dolce salvaguardie, comprese le convenzioni sui regolamenti sulla biodiversità e sugli ecosistemi (ad esempio, sulla deforestazione)

L’impronta umana sui gas serra

0°
Dal 1880 al 2012
0cm
Dal 1901 al 2010
0%
Dal 1880 al 2012

Quinto rapporto di valutazione

Persone, Pianeta, Prosperità.
I 17 obiettivi per uno Sviluppo Sostenibile.

Approfondisci
global goals 495x400 1

Partecipa al programma

Il Simposio ha la finalità di offrire stimoli di approfondimento su un tema specifico, e dovrà caratterizzarsi per compattezza e coerenza dei temi affrontati, chiarezza dell’obiettivo da raggiungere ed esplicitazione dei problemi teorici, metodologici, o applicativi ai quali si propone di fornire una risposta.

Scopri di più